g-docweb-display Portlet

Parere sullo schema di regolamento concernente le regole sull’attribuzione e l’utilizzo della Carta elettronica per i diciottenni (c.d. “bonus cultura” o anche “18App”) - 29 settembre 2021 [9721580]

Stampa Stampa Stampa
PDF Trasforma contenuto in PDF

[doc. web n. 9721580]

Parere sullo schema di regolamento concernente le regole sull’attribuzione e l’utilizzo della Carta elettronica per i diciottenni (c.d. “bonus cultura” o anche “18App”) - 29 settembre 2021

Registro dei provvedimenti
n. 349 del 29 settembre 2021

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

Nella riunione odierna, alla quale hanno preso parte il prof. Pasquale Stanzione, presidente, la prof.ssa Ginevra Cerrina Feroni, vice presidente, l’avv. Guido Scorza e il dott. Agostino Ghiglia, componenti e il cons. Fabio Mattei, segretario generale;

Vista la richiesta di parere del Ministero della cultura;

Visto il Regolamento (UE) 2016/679, del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati, di seguito: “Regolamento”) e, in particolare, l’articolo 36, paragrafo 4;

Visto il Codice in materia di protezione dei dati personali, recante disposizioni per l’adeguamento dell’ordinamento nazionale al regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (decreto legislativo n. 196 del 2003, come modificato dal decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101, di seguito Codice) e, in particolare, l’articolo 154, comma 5;

Vista la documentazione in atti;

Viste le osservazioni del segretario generale, rese ai sensi dell’articolo 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

Relatore la prof.ssa Ginevra Cerrina Feroni;

PREMESSO

Il Ministero della cultura ha richiesto il parere del Garante in ordine a uno schema di regolamento concernente le regole sull’attribuzione e l’utilizzo della Carta elettronica per i diciottenni (c.d. “bonus cultura” o anche “18App”), da adottarsi in attuazione dell’articolo 1, comma 357, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, come modificato dall’articolo 1, commi 576 e 611, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 (di seguito: “legge di bilancio 2021”).

I commi 576 e 611 dell’articolo 1 della legge di bilancio 2021 hanno confermato il riconoscimento del cd. “bonus cultura”- introdotto dall’articolo 1, comma 979, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, e già rinnovato, dal 2016 ad oggi, con le leggi di bilancio susseguitesi- estendendone la fruibilità ai giovani che compiono diciotto anni nell’anno 2021.

Il Ministero inoltre, in continuità con la procedura già seguita in occasione delle precedenti edizioni dell’iniziativa cd. Bonus Cultura–18App, ha sottoposto al parere del Garante anche lo schema di decreto del Segretario generale recante la disciplina delle modalità e dei tempi di gestione e conservazione dei dati personali, nonché gli Allegati 1, 2 e 3, recanti le misure tecniche e organizzative adottate dal titolare e dai responsabili del trattamento, aggiornati all’edizione 2021 dell’iniziativa.

RILEVATO

Lo schema di regolamento, in analogia al provvedimento del 22 dicembre 2020 (su cui il Garante ha reso parere il 26 novembre 2020 - doc. web. 9505279), introduce modifiche puntuali al decreto 24 dicembre 2019 - recante i criteri e le modalità di attribuzione e di utilizzo della Carta per i diciottenni del 2019 (v. parere del Garante del 14 novembre 2019, n. 207 - doc. web n. 9195252)-  pur confermando, nel loro complesso, le disposizioni relative al valore della Carta, alle modalità di fatturazione e liquidazione, al monitoraggio degli oneri derivanti dall’uso della stessa, in continuità anche rispetto alle modalità di attribuzione ed utilizzo del beneficio.

Le modifiche apportate al d.M. del 2019 si limitano, dunque, a prevedere, con un’ integrazione dell’articolo 3, l’estensione del beneficio a quanti compiano diciotto anni nell’anno 2021, allineando di conseguenza i termini previsti per la fruizione del bonus e offrendo la possibilità di utilizzare, a tal fine, la carta di identità elettronica (CIE), oltre al già previsto SPID, nel rispetto di quanto disposto dall’articolo 64 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'amministrazione digitale), come modificato dal decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 120 del 2020.

Lo schema di regolamento, inoltre, aggiungendo all'articolo 5 del decreto vigente il comma 2-ter, amplia le categorie di beni suscettibili di acquisto da parte dei beneficiari, ricomprendendovi altresì gli abbonamenti a periodici anche in formato digitale. Il provvedimento -con la modifica dell’articolo 7, comma 4-  estende inoltre, fino al 31 agosto 2022, il termine di registrazione sulla piattaforma informatica dedicata ai titolari o ai legali rappresentanti delle strutture e degli esercizi interessati, consentendola con la carta di identità elettronica (CIE), oltre che mediante il sistema pubblico di identità digitale (SPID).

RITENUTO

Le modifiche proposte, relative all’estensione soggettiva del beneficio e all’individuazione dei nuovi termini per poterne fruire, non incidono sulle garanzie in termini di protezione dei dati personali, non ravvisandosi quindi rilievi da formulare.

Il proposto schema di decreto del Segretario generale, concernente la disciplina delle modalità e dei tempi di gestione e conservazione dei dati personali relativi alla presente edizione dell’iniziativa, corredato dalle misure tecniche e organizzative adottate dal titolare e dai responsabili del trattamento (allegati 1, 2 e 3), contiene disposizioni analoghe a quelle del corrispondente provvedimento del Segretario generale, relativo all’edizione del bonus cultura 2020 (sul cui schema il Garante ha reso parere il 26 novembre 2020 - doc. web. 9505279).

Anche su tali ultimi atti il Garante non ha osservazioni da formulare, in ragione della sostanziale invarianza del contenuto rispetto ai precedenti, già oggetto di parere del Garante di tenore favorevole, con alcuni rilievi medio tempore recepiti.

In particolare, conformemente alle indicazioni rese dal Garante, con il parere del 26 novembre 2020, in relazione all’ultima edizione del bonus, l’articolo 5, comma 1, dello schema di decreto del Segretario generale ha individuato la finalità del trattamento svolto mediante il “registro vendite” nell’esigenza di garantire la “liquidabilità delle fatture e lo svolgimento delle attività di vigilanza e controllo sul corretto utilizzo del Bonus Cultura”.

Inoltre, in accoglimento della condizione dedotta nel parere del 26 novembre, l’articolo 7, comma 5, del decreto del 24 dicembre 2019 è stato integrato, già nel 2020, con il rinvio al decreto del Segretario generale per la disciplina del”la tipologia dei dati trattati con il «registro vendite», la finalità di tale trattamento e le relative garanzie, nel rispetto della normativa vigente in materia di trattamento dei dati personali”, così indirettamente elevando la fonte della relativa previsione.

IL GARANTE

esprime parere favorevole sul proposto schema di regolamento recante modifiche al decreto del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo 24 dicembre 2019, concernente le regole sull’attribuzione e l’utilizzo della Carta elettronica per i diciottenni, nonché sul correlato schema di decreto del Segretario generale, recante disciplina delle modalità e dei tempi della gestione e della conservazione dei dati personali.

Roma, 29 settembre 2021

IL PRESIDENTE
Stanzione

IL RELATORE
Cerrina Feroni

IL SEGRETARIO GENERALE
Mattei

Scheda

Doc-Web
9721580
Data
29/09/21

Argomenti


Tipologie

Parere del Garante