Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

AVVISO DI MOBILITA’ VOLONTARIA ESTERNA per n. 1 posto di dirigente con profilo giuridico-internazionale

 

 

VEDI AVVISO pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 4a Serie Speciale - Concorsi ed Esami n. 84 del 23 ottobre 2018

 

ERRATA CORRIGE

Si comunica che per un mero errore materiale, il CAP dell’indirizzo dell’Autorità indicato nei bandi di mobilità volontaria esterna deve leggersi 00187 in luogo di 00186.

 

 

AVVISO DI MOBILITA’ VOLONTARIA ESTERNA
per n. 1 posto di dirigente con profilo giuridico-internazionale

 

 

Art. 1
(Oggetto della procedura di mobilità)

1. E’ indetta, ai sensi dell’art. 156, comma 2, del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e s.m.i., una procedura di mobilità volontaria esterna, a domanda, per n. 1 posto di dirigente con profilo giuridico-internazionale, da inquadrare al livello terzo della qualifica di dirigente.

 

Art. 2
(Requisiti di ammissione)

1. Alla procedura di mobilità sono ammessi esclusivamente i dipendenti delle Autorità amministrative indipendenti di cui all'articolo 22, comma 1, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n.114, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e un inquadramento da almeno cinque anni presso l’amministrazione di appartenenza corrispondente alla qualifica di dirigente del personale dell’Ufficio del Garante prevista dal regolamento n. 2/2000 del Garante (consultabile al link: http://www.gpdp.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1078077).

2. I candidati devono essere in possesso, a pena di esclusione, dei seguenti requisiti:

a) diploma di laurea (vecchio ordinamento) in giurisprudenza, scienze politiche, lingue e letterature straniere moderne o diploma di laurea equipollente, nonché corrispondenti lauree specialistiche/magistrali del nuovo ordinamento, con votazione non inferiore a 105/110, ovvero titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto equipollente alle predette lauree in base alla legislazione vigente in Italia, con votazione equivalente (il titolo di studio conseguito all’estero sarà accettato solo se corredato di una dichiarazione di riconoscimento o equipollenza rilasciata dalla competente autorità italiana dalla quale risulti anche a quale votazione corrisponde il voto riportato, rispetto all’ordinamento italiano);

b) conoscenza approfondita della lingua inglese, con particolare riferimento all’inglese giuridico, nonché esperienza specialistica di carattere prevalente e continuativo in materia di protezione dei dati personali, di durata almeno quinquennale da calcolarsi rispetto alla data di pubblicazione dell’avviso di indizione della presente procedura di mobilità nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, comprovata da incarichi formali e maturata, dopo il conseguimento della laurea di cui alla lettera a), presso Autorità amministrative indipendenti, in posizioni lavorative corrispondenti o equiparate alla posizione da ricoprire. Tale periodo è ridotto a tre anni in caso di possesso di uno dei seguenti titoli: diploma di specializzazione, dottorato di ricerca o altro titolo post-universitario relativi alla materia della protezione dei dati personali, conseguiti mediante uno o più corsi di durata complessiva almeno biennale presso istituti universitari italiani o stranieri. La mera designazione per lo svolgimento di taluni adempimenti relativi al trattamento dei dati personali, anche nella qualità di responsabile o incaricato del trattamento, non integra il predetto requisito.

3. I candidati non devono avere riportato condanne penali per i delitti previsti dai titoli II, VII e XIII del Libro secondo del Codice penale (concernenti rispettivamente i delitti contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica e contro il patrimonio), non devono avere processi penali pendenti per i medesimi delitti, e non devono aver subito sanzioni disciplinari negli ultimi tre anni, di gravità pari o superiore alla censura.

 

Art. 3
(Domande di partecipazione)

1. La domanda di ammissione alla procedura di mobilità, redatta e sottoscritta secondo il modello allegato, corredata a pena di esclusione di copia fotostatica di valido documento di identità, non soggetta ad imposta di bollo, dovrà contenere le generalità complete, la residenza ed il codice fiscale del candidato.

2. Nella domanda il candidato dovrà altresì dichiarare, sotto la propria responsabilità e consapevole delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del d.P.R. n. 445/2000 per le dichiarazioni false o mendaci:

a) il titolo di studio di cui all’art. 2, comma 2, lett. a), posseduto, con l’indicazione della data di conseguimento, dell’università che lo ha rilasciato e della votazione riportata;

b) l’amministrazione di appartenenza e l’esatto inquadramento (area o categoria, fascia/posizione economica e profilo professionale di attuale inquadramento), nonché la decorrenza dello stesso;

c) la descrizione dell’attività svolta presso l’amministrazione di appartenenza e presso altre amministrazioni pubbliche, dalla quale sia possibile desumere la prevalenza e con l’indicazione degli atti formali di conferimento di incarichi comprovanti l’esperienza nei termini di cui all’art. 2, comma 2, lett. b);

d) la conoscenza approfondita della lingua inglese, con particolare riferimento all’inglese giuridico;

e) l’indirizzo presso il quale si desidera siano trasmesse le comunicazioni inerenti la procedura di mobilità (può essere indicato anche un indirizzo di posta elettronica certificata del candidato), nonché, possibilmente, il recapito telefonico;

f) nei termini e nei limiti di cui all’art. 2, comma 3, del presente avviso, di non avere processi penali pendenti, di non aver riportato condanne penali e di non aver subito sanzioni disciplinari pari o superiori alla censura negli ultimi tre anni;

g) di aver preso visione e di accettare in modo pieno e incondizionato le disposizioni del presente avviso.

3. Nella domanda dovranno altresì essere indicati gli ulteriori titoli che potranno essere presi in esame dalla Commissione, quali:

- altri titoli di studio posseduti;

- titoli di ricerca, professionali e culturali;

- eventuale attività professionale svolta;

- lingue straniere conosciute ulteriori rispetto a quella richiesta per l’ammissione ed il relativo livello, attestati da specifica certificazione.

4. L’Ufficio si riserva di verificare il possesso dei requisiti e dei titoli dichiarati dai candidati, in conformità a quanto previsto dal d.P.R. n. 445 del 2000.

5. La domanda dovrà essere redatta secondo il modello allegato, firmata digitalmente ed inviata con messaggio di posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo PEC: protocollo@pec.gpdp.it, ovvero, in alternativa, dovrà essere redatta in carta semplice secondo il modello allegato, sottoscritta e inviata a mezzo raccomandata all'Ufficio del Garante per la protezione dei dati personali – Piazza Venezia, 11, 00186 Roma -; la domanda deve essere inviata, a pena di esclusione, entro e non oltre 30 giorni dalla pubblicazione dell’avviso di indizione della presente procedura di mobilità nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. A tal fine, farà fede la ricevuta di consegna in caso di spedizione tramite PEC o, in caso di spedizione tramite raccomandata, la data del timbro postale dell’Ufficio postale accettante. In caso di trasmissione telematica, tutti i documenti allegati dovranno essere firmati digitalmente e trasmessi come allegato al messaggio PEC in file compatibile con il formato “PDF”.

6. La busta contenente la domanda cartacea o l’oggetto del messaggio di posta certificata dovranno recare la seguente indicazione: “PROCEDURA DI MOBILITÀ ESTERNA PER 1 DIRIGENTE CON PROFILO GIURIDICO-INTERNAZIONALE”.

7. Sono ammesse esclusivamente le domande concernenti la presente procedura. In caso di partecipazione ad altra procedura di mobilità indetta dal Garante, dovrà essere presentata ulteriore apposita domanda.

8. Il Garante non assume alcuna responsabilità per la dispersione delle comunicazioni dipendente da inesatta indicazione del recapito da parte dell'aspirante, oppure da mancata o tardiva comunicazione del cambiamento del recapito indicato nella domanda, o per eventuali disguidi imputabili a fatto di terzi, caso fortuito o forza maggiore.

9. Ai fini della presente procedura di mobilità non verranno prese in considerazione le domande a qualunque titolo eventualmente pervenute prima della pubblicazione del presente avviso nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

 

Art. 4
(Modalità di svolgimento della procedura)

1. Le domande pervenute dai candidati in possesso dei requisiti di ammissione di cui all’art. 2, saranno esaminate da una commissione composta da tre dirigenti dell’Ufficio nominata con apposita deliberazione del Collegio del Garante, che recherà anche la nomina del segretario scelto tra i dirigenti e i funzionari del Garante. La commissione può essere integrata da esperti per l'accertamento della conoscenza della lingua inglese.

2. La Commissione, sulla base delle domande di partecipazione tempestivamente pervenute e formalmente regolari, ove ne ricorrano i presupposti, selezionerà una rosa di candidati, in numero triplo rispetto ai posti da coprire, in possesso del profilo professionale richiesto.

3. A tal fine la Commissione avrà a disposizione un punteggio massimo di 30 punti così ripartiti:

a) fino a punti 12 per la valutazione dei titoli di studio ulteriori rispetto a quelli previsti per l’ammissione, nonché dei titoli di ricerca, professionali e culturali;

b) fino a punti 12 per la valutazione dell’esperienza professionale ulteriore rispetto a quella prevista per l’ammissione, purché attinente alla posizione da ricoprire;

c) fino a punti 6 per votazione conseguita nella laurea richiesta per la presente procedura superiore a 105/110 o equivalente.

4. I candidati selezionati saranno convocati per un colloquio di idoneità, finalizzato a verificare le competenze e le professionalità possedute, quali risultano dalle domande presentate, nonché l’attitudine dei candidati a ricoprire la specifica posizione.

5. A tal fine la Commissione disporrà di ulteriori 60 punti.

6. Il punteggio minimo complessivo per conseguire l’idoneità è di 54 punti.

7. All’esito della procedura esperita, la Commissione formerà una graduatoria. A parità di punteggio costituisce titolo di preferenza l’età minore.

8. L’Ufficio del Garante, a suo insindacabile giudizio, si riserva di non coprire in tutto o in parte i posti di cui al presente avviso di mobilità, qualora gli aspiranti non dovessero risultare in possesso di un profilo professionale corrispondente a quanto richiesto dal medesimo avviso.

9. Il Garante approva la graduatoria finale, previa verifica della regolarità della procedura e della disponibilità dei relativi fondi.

 

Art. 5
(Sottoscrizione del contratto di lavoro)

1. I candidati che risulteranno idonei allo svolgimento dei compiti richiesti dal presente avviso saranno invitati a presentare, entro il termine stabilito dall’Autorità, il nulla osta al trasferimento nel ruolo organico dell’Ufficio del Garante rilasciato dall’amministrazione di appartenenza, in mancanza del quale l’Autorità non darà luogo alla sottoscrizione del contratto individuale di lavoro.

2. Decorso il predetto termine, i candidati a ciò autorizzati dall’amministrazione di appartenenza saranno convocati per sottoscrivere i previsti contratti individuali di lavoro nella qualifica prevista all’art. 1 e con il trattamento economico corrispondente al livello 3° (terzo) della qualifica di dirigente. Essendo la procedura bandita per un livello retributivo superiore a quello iniziale della relativa area, non trova applicazione l’art. 27, comma 2bis, del regolamento n. 2/2000 del Garante.

 

 

INFORMATIVA

Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento generale sulla protezione dei dati (Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016), si informano i candidati che il trattamento dei dati personali da essi forniti in sede di  partecipazione alla procedura di mobilità volontaria esterna o comunque acquisiti a tal fine dal Garante per la protezione dei dati personali, in qualità di titolare del trattamento (con sede in Piazza Venezia, 11, IT-00186, Roma; Email: garante@gpdp.it; PEC: protocollo@pec.gpdp.it; Centralino: +39 06696771), è finalizzato all’espletamento delle attività connesse, in relazione ai compiti e obblighi legali connessi, ed avverrà a cura delle persone preposte al procedimento relativo alla procedura di mobilità, anche da parte della commissione esaminatrice, presso l'Ufficio del Garante per la protezione dei dati personali, con l’utilizzo di procedure anche informatizzate, nei modi e nei limiti necessari per perseguire le predette finalità, anche in caso di eventuale comunicazione a terzi. Il conferimento di tali dati è necessario per verificare i requisiti di partecipazione e il possesso di titoli, nonché, in generale, per consentire l’espletamento della procedura di mobilità; la loro mancata indicazione può precludere tale verifica e la partecipazione alla procedura.

I candidati hanno il diritto di ottenere dal Garante, nei casi previsti, l'accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che li riguarda o di opporsi al trattamento (artt. 15 e ss. del Regolamento). L'apposita istanza all'Autorità è presentata contattando il Responsabile della protezione dei dati presso il Garante (Garante per la protezione dei personali - Responsabile della Protezione dei dati personali, Piazza Venezia, 11, IT-00186 Roma email: rpd@gpdp.it ). 

I candidati che ritengono che il trattamento dei dati personali a loro riferiti avvenga in violazione di quanto previsto dal Regolamento hanno il diritto di proporre reclamo al Garante, come previsto dall'art. 77 del Regolamento stesso, o di adire le opportune sedi giudiziarie (art. 79 del Regolamento).

 

 

 

 

SCHEMA DI DOMANDA

Al Garante per la protezione dei dati personali
Piazza Venezia, 11
00186 ROMA

_l_sottoscritt_.....................………………………………………………………………………………………………………………                                      nat_ a ... ………………………………………………………………………..     (provincia di ...................................................) il ………………………..., residente a ......................................................................... via/piazza …………………………………………………………………………….... n.  ..., C.F. …………………………………………………….. chiede di partecipare alla procedura di mobilità volontaria esterna indetta dal Garante per la protezione dei dati personali per n. 1 posto di dirigente con profilo giuridico-internazionale.
A tal fine, consapevole delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del d.P.R. n. 445/2000 per le dichiarazioni false o mendaci, dichiara sotto la propria responsabilità:

1. di non aver riportato condanne penali per delitti previsti dai titoli II, VII e XIII del Libro secondo del Codice penale (concernenti rispettivamente i delitti contro la pubblica amministrazione, contro la fede pubblica e contro il patrimonio);

2. di non aver procedimenti penali pendenti a proprio carico per i delitti di cui al punto precedente;

3. di non aver subito sanzioni disciplinari negli ultimi tre anni, di gravità pari o superiore alla censura;

4. di essere in possesso del seguente diploma di laurea (vecchio ordinamento, specialistica o magistrale) .................................................................., conseguito presso  l’Università degli Studi di ............................... in data ....................... con la votazione di .................;

5. di essere dipendente di ruolo della seguente amministrazione:.................................................... ................…………………………………………………………………….......……………........…. con il seguente inquadramento (indicare area/categoria, fascia/posizione, profilo professionale attuale e decorrenza) …………………………………………………………………….;

6. di avere una conoscenza approfondita della lingua inglese, con particolare riferimento all’inglese giuridico (allegare la relativa documentazione, a comprova);

7. di avere svolto presso l’amministrazione di appartenenza i seguenti compiti (duplicare il   presente quadro in caso di necessità):

a) (indicare incarico in materia di protezione dei dati personali) ……………………………………….;

b) (indicare gli atti formali di conferimento degli incarichi in materia di protezione dei dati personali comprensivi di n. di protocollo)…………………………………………………………………..;

c) (indicare data di inizio e di conclusione dell’incarico)…………………………………………………..;

8. di avere svolto presso la seguente amministrazione i compiti di seguito indicati (duplicare il presente quadro in caso di necessità):

a) (indicare incarico in materia di protezione dei dati personali) ……………………………………….;

b) (indicare gli atti formali di conferimento degli incarichi in materia di protezione dei dati personali comprensivi di n. di protocollo)…………………………………………………………………..;

c) (indicare data di inizio e di conclusione dell’incarico)…………………………………………………..;

9. di essere in possesso dei seguenti titoli di ricerca, professionali e culturali (duplicare il presente quadro in caso di necessità):

a) (indicare il titolo) ………………………………………………………………………………………………………..;

b) (indicare l’istituzione/ordine professionale che lo ha rilasciato) ………………………………………..;

c) (indicare data di inizio del corso e di conseguimento del titolo) ……………………………………….;

d) (indicare titolo della tesi)…………………………………………………………………………………………….;

10. eventuali altri titoli (duplicare il presente quadro in caso di necessità):

a) (indicare il titolo)………………………………………………………………………………………………………..;

b) (indicare l’istituzione che lo ha rilasciato)……………………………………………………………………..;

c) (indicare data di inizio del corso e di conseguimento del titolo) ……………………………………..;

d) (indicare titolo della tesi)…………………………………………………………………………………………….;

11. di aver svolto la seguente attività professionale /culturale (duplicare il presente quadro in caso di necessità):

a) (indicare la durata)…………………………………………………………………………………………………………;

b) (indicare le mansioni svolte)……………………………………………………………………………………………;

12. di conoscere _l_seguent_ ulterior… lingu_ stranier__ (indicare il livello di conoscenza, allegando la relativa documentazione, a comprova):    

1)…………………………………………………………………………………………………………………………………………

2)……………………………………………………………………………………………………………………………………….

3) ……………………………………………………………………………………………………………………………………….

_l_ sottoscritt_ dichiara di aver preso visione e di accettare in modo pieno e incondizionato le disposizioni dell’avviso di procedura di mobilità volontaria esterna.
l_ sottoscritt_ chiede che ogni eventuale comunicazione sia inviata al seguente recapito utile ai fini dell’invio tramite PEC o raccomandata A/R …………………………………….……, impegnandosi a comunicare le variazioni che dovessero  sopravvenire (si prega di indicare possibilmente un recapito telefonico ed in caso di invio tramite raccomandata il C.A.P.). 

Allega la fotocopia di un documento valido di riconoscimento, nonché la seguente documentazione: ..............................................................................……………………………………………………………………………….. .

 

Data, 

 

Firma ........................................

 

N.B.: ALLEGARE COPIA DI DOCUMENTO DI IDENTITA’ IN CORSO DI VALIDITA’