Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Deliberazione n. 5 del 1 marzo 1999 - Regolarizzazione dei ricorsi [1059806]

(G.U. n. 65 del 19 marzo 1999)

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
1059806
Data:
01/03/99
Tipologia:
Deliberazione

[doc. web n. 1059806]

[Provvediemnto correlato
doc. web n. 1107682


Deliberazione n. 5 del 1 marzo 1999 - Regolarizzazione dei ricorsi
(G.U. n. 65 del 19 marzo 1999)

Registro delle Deliberazione
n. 5 del 1 marzo 1999

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI


Nella riunione odierna, in presenza del prof. Stefano Rodotà, presidente, del prof. Giuseppe Santaniello, vice presidente, del prof. Ugo De Siervo, componente, dell´ ing. Claudio Manganelli, componente e del dottor Giovanni Buttarelli, segretario generale;

VISTI gli articoli 13, 29 e 33 , comma 3, della legge 31 dicembre 1996, n. 675, di seguito denominata " legge " ;

VISTI gli articoli 7, 18 e 19 del d.P.R. 31 marzo 1998, n. 501, di approvazione del " Regolamento recante norme per l´ organizzazione ed il funzionamento dell´ Ufficio del Garante per la protezione dei dati personali, a norma dell´ art. 33 , comma 3, della legge 31 dicembre 1996, n. 675" , di seguito denominato " regolamento " ;

VISTO, in particolare, l´ art. 18 , comma 5 del regolamento, il quale prevede che il Garante " determina con proprio provvedimento i casi in cui è possibile la regolarizzazione del ricorso" ;

CONSIDERATA la necessità di individuare alcune ipotesi in cui è possibile regolarizzare un ricorso che difetti di alcuni degli elementi di cui ai commi 1 e 3 del medesimo art. 18 ;

RISERVATA un´ulteriore individuazione di altri casi di regolarizzazione di ricorsi che il Garante potrà delimitare con successivo provvedimento di carattere generale o in sede di esame di singoli ricorsi, conseguentemente alle risultanze acquisite nella prima fase di applicazione della normativa;

VISTE le osservazioni dell´ Ufficio formulate dal Segretario generale ai sensi dell´ art. 7 , comma 2, lettera a), del regolamento;

RELATORE il prof. Giuseppe Santaniello;


DELIBERA:

1. La regolarizzazione dei ricorsi di cui all´ art. 29 della legge è possibile:

a) quando il ricorso è trasmesso al Garante da altro ente o amministrazione anziché direttamente dal ricorrente o dal procuratore speciale, oppure è trasmesso al Garante con corrispondenza diversa dal piego raccomandato (art. 18 , comma 1, del regolamento);

b) qualora il ricorso difetti di uno o più dei dati identificativi di cui all´ art. 18, comma 1, lett. a) e b) del citato regolamento, sempreché nel ricorso o nei relativi allegati vi siano gli elementi sufficienti per identificare il ricorrente o l´eventuale procuratore speciale;

c) qualora manchi l´ indicazione della data della richiesta al responsabile del trattamento (art. 18, comma 1, lett. c) del regolamento);

d) quando il ricorso sia privo, ove ciò sia necessario, di una sottoscrizione autenticata nelle forme di legge (art. 18, comma 1, lett. e) del regolamento);

e) in caso di indicazione di motivi in maniera imprecisa o incompleta (art. 18, comma 1, lettera d) del regolamento);

f) qualora al ricorso non risultino allegate l´ eventuale procura o la copia della richiesta avanzata al responsabile del trattamento (art. 18, comma 3 del regolamento).

g) qualora difetti la prova del versamento dei diritti di segreteria (art. 18, comma 3 del regolamento) o risulti imprecisa o incompleta la documentazione attestante che l´ interessato si trova nelle condizioni previste per l´ ammissione al patrocinio a spese dello Stato (art. 3 della legge 30 luglio 1990, n. 217 richiamata dalla deliberazione di questa Autorità del 18 febbraio 1999).

2. La regolarizzazione o l´ invito dell´ Ufficio ai sensi dell´ art. 19 , comma 1, lett. c) del regolamento non sono necessari quando taluno degli elementi che devono essere contenuti nell´ atto di ricorso risulti comunque dalla documentazione allegata.
La presente deliberazione sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.


Roma, 1 marzo 1999

Il Presidente
RODOTÀ

Il Relatore
SANTANIELLO

Il Segretario Generale
BUTTARELLI