Salta al contenuto

DIRITTI E PREVENZIONE > COME TUTELARE LA TUA PRIVACY

ricerca avanzata

Restituite le garanzie, i governi si adeguino

Intervista ad Antonello Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali
("La Stampa", 9 aprile 2014, di Giuseppe Bottero)

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
3043767
Data:
09/04/14
Argomenti:
Dati telefonici e telematici , Conservazione di dati , Corte di Giustizia europea
Tipologia:
Interviste e interventi

Restituite le garanzie, i governi si adeguino

Antonello Soro, presidente dell'Autorità garante per la privacy, è soddisfatto. Quella della trasparenza è una battaglia che porta avanti dal suo insediamento.

Soro risponde al telefono mentre - ma è una casualità - si sta imbarcando per Bruxelles. "La sentenza della Corte va nella direzione giusta - spiega - quella che auspichiamo da tempo: ovvero una tutela più marcata dei diritti".

Presidente, perché la sentenza di ieri è così importante? "E' uno snodo fondamentale, perché per la prima volta mette in evidenza che i dati di traffico non sono informazioni neutre ma rivelano molto di tutti noi, della nostra vita privata. Una conservazione indifferenziata di questi dati per periodi molto lunghi espone quindi a grandi rischi".

Quanto ha pesato la polemica sul Datagate sulle decisioni dei giudici? "Molto probabilmente un peso lo ha avuto. Ma soprattutto ha influito sull'opinione pubblica, che adesso è più sensibile al tema della privacy. Con la sua decisione, la Corte di giustizia sottolinea l'esigenza che i dati oggetto di conservazione per ragioni di giustizia restino nel territorio dell'Ue. Ed è importante".

Troppe tutele non rischiano di far passare in secondo pia no la sicurezza? "Non è così, anche se, in effetti, l'asticella si è spostata. Fermo restando la necessità di tutelare i cittadini nella loro riservatezza, quando l'autorità giudiziaria ai fini delle indagini dovesse decidere di conservare ulteriormente i dati potrà farlo liberamente. Ma in modo selettivo, non indeterminato. E soprattutto a decidere sarà una figura terza. Vede, la sentenza di ieri riequilibra due valori, sicurezza e privacy, che in questi anni si erano decisamente disallineati".

E adesso, che cosa cambia per i governi europei? "Occorrerà una revisione del sistema attuale. Una serie di adeguamenti nel segno del principio di proporzionalità e delle garanzie per i cittadini".